Mostra altro

Installazioni digitali, piante, percorsi tematici e show cooking: questo e molto altro è ciò che attende il visitatore nelle BioSfere, un insieme di eventi ed esperienze alla scoperta dei principali ecosistemi italiani e della dieta mediterranea. BioSfera Alpi, BioSfera Mediterraneo eBioSfera Nutrizione, all’interno dei quali sono stati allestiti percorsi sviluppati su due canali: il primo parte dalla biodiversità italiana, il secondo dalla scoperta della salutare dieta mediterranea, dichiarata dall’Unesco patrimonio dell’Umanità dal 2010.

BIOSFERA MEDITERRANEO

MACCHIA MEDITERRANEA

Alle  spalle  della  duna,  ecco  sorgere  il  più  tipico  degli  ambienti  del  nostro paese: la macchia mediterranea.

Inizia con cespugli bassi di cispo e ginepro a cui  si aggiungono poi mirto, corbezzolo, rosmarino, ginestra, lentisco e alloro.

Poi iniziano le piante ad alto fusto: lecci, pini marittimi e querce da sughero. La macchia mediterranea è verde tutto l’anno e in primavera esplode di fiori, colori e profumi. Qua e là si aprono zone umide e allagate, vere piscine naturali ricche di vegetazione e animali. Lungo i fiumi e le rive pianeggianti, si formano stagni salmastri e laghi costieri dove la vita trionfa: questo è il regno dei grandi ed eleganti uccelli acquatici come l’airone e il fenicottero rosa, il germano e il cormorano. 

BIOSFERA ALPI

ECOSISTEMA

Il bosco evoca da sempre fascino e mistero per i suoi paesaggi suggestivi e per l’enorme ricchezza di forme di vita. È un vero e proprio scrigno di biodiversità. Nelle Alpi vivono almeno 43.000 specie di piante e animali. Ogni bosco è un ecosistema perfetto, dove le diverse specie hanno trovato forme di collaborazione e competizione che garantiscono il mantenimento della vita. Nel bosco di faggi troveremo caprioli, volpi, faine, scoiattoli e picchi. In un bosco di abeti troveremo il toporagno, il driomio, il cuculo e la beccaccia, cervi e caprioli. Mentre in boschi di alberi misti, gli ecosistemi si mescolano dando origine ad ambienti ancora più ricchi di biodiversità. 

BIOSFERA NUTRIZIONE

DIETA MEDITERRANEA

Per Dieta Mediterranea Italiana di Riferimento s’intende quella “dieta moderata comunemente seguita dalle classi lavoratrici dei territori mediterranei intorno alla metà del secolo scorso”, con cereali, legumi, ortaggi, frutta fresca e secca, prodotti della pesca e olio vergine di oliva come alimenti prevalenti e, per le bevande alcoliche, vino; il tutto associato a una soddisfacente attività fisica.

 

Per coniugare salute e buona tavola bisogna ricordare che alimentarsi in modo sano vuol dire preferire prodotti non trattati, prediligere frutta e verdura di stagione, consumare prodotti di qualità, tradizionali, del territorio e biologici. Sia il consumo di prodotti cosiddetti a “chilometro zero” (km 0), sia di quelli biologici si afferma con un senso di maggior tutela della propria salute.

IL PROGETTO

UN'ESPERIENZA SENSORIALE UNICA

In ogni biosfera il visitatore viene a contatto con un ecosistema specifico, vivendo un’esperienza sensoriale e interattiva unica, in cui monitor touch e video proiezioni immersive che animeranno lo spazio dell’area lab si combinano con le piante alpine o mediterranee, in un turbinio di profumi, suoni e scenografie. All’interno dei percorsi, schede interattive su display raccontano le storie dei diversi habitat. I contenuti sono stati curati da Legambiente per quanto riguarda i padiglioni Alpi e Mediterraneo e da Antonino De Lorenzo, direttore dalla Scuola di specializzazione in Scienza dell’alimentazione dell’Università di Tor Vergata e presidente dell’Istituto nazionale per la dieta mediterranea e Laura Di Renzo, docente di Nutrizione umana presso la stessa Università.

Mostra altro